27 settembre 2018

COME PULIRE I VETRI DELLE FINESTRE

Che siano realizzate in PVC, in alluminio o in legno, le finestre presentano tutte una superficie in vetro, che dovrà essere pulita con regolarità.

Si tratta di un’operazione semplice da svolgere durante le prime ore del mattino, quando il sole è ancora tiepido e non batte in maniera forte sulle finestre.

Questo accorgimento non è di poco conto, visto che  consentirà di evitare la formazione di antipatici aloni sul vetro.

Cosa serve:

  1. acqua (immancabile alleata per la pulizia dei vetri)
  2. panno in microfibra
  3. tergivetro
  4. spugna
  5. panno asciutto
  6. rotolo di carta da cucina o giornale
  7. raschietto da vetro
  8. normale detersivo per stoviglie o multiuso
  9. crema abrasiva delicata (tipo Cif)

PREPARARSI. E’ consigliabile preparare due secchi o bacinelle contenenti acqua calda, in uno aggiungere qualche goccia di detersivo multiuso. Meglio non utilizzare detergenti per finestre o vetri perché tendono a lasciare aloni.

PASSARE LO STRACCIO. Utilizzare un panno in microfibra imbevuto di acqua e detersivo e bagnare l’intera superficie della finestra. In questo modo si rimuovono sabbia e polvere e si ammorbidiscono eventuali incrostazioni ostinate, che successivamente potranno essere rimosse con il panno o con un po’ di crema abrasiva. Se necessario (ad esempio in caso di adesivi incollati sulle lastre) utilizzare il raschietto per vetri, aspettare che il tutto si sia ammorbidito e poi intervenire, accertandosi che le lame siano intatte e affilate.

RISCIACQUARE. Inumidire un panno pulito nel secchio con l’acqua senza detersivo e risciacquare a fondo, sulla lastra di vetro non deve rimanere detergente, perché se venisse esposto ai raggi solari potrebbe ossidarsi causando striature colorate e aloni.

ASCIUGARE. Iniziare passando il tergivetro lungo i bordi della lastra. Poi farlo scivolare sulla superficie restante ancora bagnata compiendo movimenti curvilinei. Vanno bene anche movimenti circolari. Il meno possibile, ma con frequenza necessaria, staccare il tergivetro dalla lastra per eliminare l’acqua dal labbro in gomma. Lungo i bordi ma soprattutto dove è ancora umido, rifinire con della carta da cucina o giornale asciutti.

Ogni quanto tempo bisogna pulire le finestre?

Dedicarsi alla pulizia dei vetri delle finestre è una prassi da non dimenticare: intervenendo saltuariamente, lo sporco si accumulerà sulla superficie e si dovrà impiegare una quantità non indifferente di tempo e di fatica per liberarsene.

Vale la pena quindi pianificare una pulizia dei vetri almeno una volta ogni due settimane.

 

 

seral

About seral

  •  

Leave a Comment